Come fare la disdetta Enel per decesso

Quando viene a mancare un familiare o un parente stretto, non bisogna solo far fronte al dolore della perdita, ma è necessario anche occuparsi di alcune pratiche burocratiche, quali le disdette di abbonamenti e bollette intestati alla persona che è venuta a mancare. Uno dei primi passaggi quindi che si deve affrontare è avviare la procedura di disdetta per l’energia elettrica. Se la persona deceduta aveva stipulato un contratto con Enel, è necessario richiedere la disdetta Enel per decesso.

Disdetta tramite raccomandata o sito web

Per prima cosa, per poter avviare la pratica è necessario capire quale documentazione bisogna fornire al distributore di energia elettrica per poter sbrigare la richiesta. In questo caso, può essere utile chiamare il numero verde dedicato 800.900.800: gli operatori saranno in grado di fornire informazioni dettagliate e personalizzate in modo individuale.

Se però non è possibile chiamare il servizio clienti, è bene sapere che il primo passo è recuperare il modulo di disdetta per decesso, scaricabile dal sito web di Enel energia e fornito dalla stessa azienda. Il modulo deve quindi essere stampato, compilato e firmato da un erede legittimo dell’intestatario del contratto. In questa fase, è quindi necessario fornire tutti i dati personali della persona deceduta alla quale era intestato il contratto: nome, cognome, codice fiscale, indirizzo di residenza presso il quale è attiva la fornitura di energia elettrica.

Attraverso una bolletta recente, è poi importante recuperare il numero cliente, il codice POD e PDR relativo al contratto del quale si chiede la cessazione. Questi dati devono essere inseriti negli appositi campi del modulo stampato. Una volta compilato e firmato, il modulo può essere inviato tramite raccomandata con ricevuta di ritorno alla sede centrale di Enel a Potenza, presso Enel Servizio Elettrico, Casella postale 1100, 85100 Potenza.

Alla raccomandata è necessario allegare una copia del certificato di morte che attesta il decesso dell’intestatario e la fotocopia di un documento di identità dell’erede che ha compilato e firmato la richiesta di disdetta.

Per chi è pratico con internet, è possibile effettuare la disdetta tramite l’area riservata presente sul sito di Enel Energia.

Costi e tempistiche

Quando si richiede l’avvio di una pratica di disdetta a Enel, si avrà un costo fisso da pagare. Anche quindi in caso di disdetta per decesso, si dovrà pagare una cifra pari a 23 euro + Iva, oltre ai costi che il distributore di energia potrebbe imporre per il sigillo e i costi saranno a carico degli eredi. I tempi di chiusura della pratica sono poi abbastanza brevi: è bene prevedere circa 7-10 giorni lavorativi per l’avvio della pratica. La disdetta sarà effettiva a partire da 30 giorni dopo l’invio della richiesta di disdetta a Enel.